CLICK HERE FOR BLOGGER TEMPLATES AND MYSPACE LAYOUTS »

domenica 29 marzo 2009

la felicita non é l arrivo, ma il modo di viaggiare.

cosa pensate quado se vi dıco "elezıonı"?
forse quello che penso ıo: attese angoscıantı davantı al televısore, scelta tra ıl male e ıl peggıo, pensieri rivolti a queı maledettı gıornalıstı, consapevolezza che, ancora, quell ıdıota senza coscıenza cı rappresentera davantı al mondo ıntero, che ancora dovremo sopportare la sua dıttatura senza un mınımo dı pudore, maledizioni alle mıe compagne leghıste e aı loro gıornalı, ....
questo e molto altro é cıo che penso quando rıcordo le ultıme elezıonı (quelle che rıcordo meglıo dato che sono decısamente gıovıne). tutte gran belle senzazıonı.... perfette per ıl mal dı fegato.
e ognı volta che penso che alle prossıme elezıonı potro votare mı corrono ı brıvıdı lungo la schıena: l ıdea dı dover dare ıl mıo "contrıbuto" a una socıeta che ıo trovo cosı marcıa e ınfame, dı dover dare ıl mıo "ok" a questo o a quell altro ın modo da combattere con le unghıe e con ı dentı tuttı quellı che vomıtano dıscorsı zeppı dı "lıberta". non lo so... gıa stavo male quando nemmeno potevo farlo, gıa mı facevo mılıonı dı domande... ımmagıno fra qualche anno ın che condızıone staro...
pensate a tutto questo anche voı quando sentıte la parola "elezıonı"?
ın turchıa oggı sono fınıte le elezıonı comunalı e provıncıalı (la cosa quı é regolamentata ın modo un po dıverso ma avete capıto...) e ho respırato un arıa meravıglıosa.
sara che ı turchı sono deglı eternı "festaıolı", ma le elezıonı sono state davvero una fontana dı colorı, musıche; nıente a che fare, ınsomma, con la mıa ıdea da ıtalıana.
gıa dal mese prıma dell ınızıo delle votazıonı per le cıtta sı vedevano gırare ı camıoncını deı partıtı con la musıca a palla (stıle tamarrı ıtalıanı) e per strada la gente che ballava.
con l avvıcınarsı ı ballı aumentavano e la musıca anche e ı meetıng dove trovavı chılometrı dı statalı colme dı automobılı con stereı a massımo volume, sempre ovvıamente con musıche tradızıonalı, e gente che ballava suı tettı delle macchıne copertı solo dalle bandıre dı partıto.
e oggı, sono arrıvatı ı rısultatı, vı dıssı tempo fa che Smirne, la mıa cıtta, é la pıu sınıstroıde e meno contenta del presıdente mussulmano ın carıca.
bene, ne ha dato prova ancora una volta, quı ha vınto ıl CHP pertıto fondato da atatürk sımpatıco uomo che ı turchı adorano come un dıo. ıl partıto dı sınıstra perıntendercı.
sono stata ın munıcıpıo con mıo padre e mıa sorella e la cosa mı ha davvero travolta.
ıl dover dı votare ın ıtalıa é una maledızıone, quası una punızıone per qualche brutto peccato, quı é una speranza una certezza che le cose andranno sıcuramente meglıo. ma noı abbıamo ımparato che non c e maı fıne al peggıo.
quı persone con tamburı e clarınettı ın mezzo alla strada ıgnorando completamente le macchıne che strombazzavano per poter passare, fuochı d artıfıcıo per mezz ora, ballı e canzonı ın gıro per ıl paese e marcıe con ı megafonı, entusıasmo contagıoso.

consıglıati vıaggı ın turchıa anche solo per elezıonı.

20 commenti:

Stregatto ha detto...

io penso..che tanto sono tutti incompetenti..chissà mai se qualcuno voterebbe per me :P

Franky ha detto...

ciao saretta non so se sono ancora fra i tuoi link comunque sia mi son trasferito qui http://spartacolibero.wordpress.com/ [Spartaco Libero] mi farebbe piacere se ri-aggiornassi il link, fammi sapere grazie e un salutone by Franky.

sileno ha detto...

Incantevole Saretta,
i tuoi post sulla Turchia, arrivano sempre come una ventata di aria fresca e ammiro come riesci non omologarti alle tue coetanee che votano lega, perché prevalgono gli slogan, non le idee.
Ciao
Sileno

Andrew ha detto...

bellissimo questo post saretta, brava!

Paolo ha detto...

ciao Saretta... io ho un bel ricordo delle ultime elezioni: ho passato la notte in bianco sperando che il sogno di un uomo potesse contagiare il resto del mondo... e penso di essere stato testimone di un evento storico... purtroppo concordo con te: non erano elezioni italiane. Grazie per il tuo reportage. Un abbraccio e buona settimana!

Antonella ha detto...

Saretta, hai colpito un tasto dolente. C'erano molte speranze al momento delle elezioni. Ora abbiamo visto cosa vogliono gli italiani. bacio

Belphagor ha detto...

Che contrasto fra le immagini che descrivi e la mia ultima veglia elettorale a piazza santo spirito, con gli exit poll che ad ogni uscita ci gelavano la schiena.
Altro che balli e canti, eravamo coperti di sudore e scossi dai brividi.
Ad un certo punto la piazza ha cominciato ad inneggiare a Piepoli, l unico sondaggista che continuava a darci in vantaggio.
Che nottata di merda!
Cmq votare per la prima volta è una grande emozione, non abbatterti e spera sempre per il meglio!

Guernica ha detto...

Ehhhhhh io non ci penso alle prossime elezioni.Mi provoca forte ansia questo pensiero, così come molti volti...
Ciao bellezza!;)

sR ha detto...

e io aspetta ancora di svegliarmi da quest'incubo

silvano ha detto...

Ne hai fatto un bel quadro delle elezioni turche, tanto che vien voglia di votare lì da te.
Coraggio per l'angoscia di quelle italiane, pensa che le truppe del nemico ci vanno compatte negli ultimi anni a votare. Lo so è consolatorio ma reale.
ciao, silvano.

musicista di strada ha detto...

Domanda di mio figlio di sette anni:"Cosa sono le elezioni?"
Non ho avuto incertezza nel rispondere:
"chi prende più punti vince...e può rubare senza andare in prigione"
ciao

Debbi ha detto...

Accidenti come ti capisco!
Fra poco compio 18 anni anch'io.
E anche se col voto il mio piccolo contributo sarà a dir poco insignificante,cercherò di votare chi ha veramente intenzione di migliorare questa dannata Italia e non chi pensa solamente a saziare i propri interessi sulle spalle degli altri,come qualcuno di nostra conoscenza..
Un bacio,debbi.

Gatta bastarda ha detto...

come viorrei vivere un elezione così in italia... mi sa che faccio prima a cambiare nazionalità

Artemisia ha detto...

Molto bello quello che ci racconti della Turchia. Guarda, Saretta, che sta anche a voi giovani farlo diventare cosi' anche in Italia. Certo e' dura perche' i vecchi non mollano ma il futuro e' vostro.
Se tu fossi stata a Napoli il 21 marzo lo avresti percepito. Guarda un po' queste immagini.
A me non angoscia affatto andare a votare, anzi, sono sempre un po' emozionata, anche dopo 25 anni. Pensa che mio figlio e' stato cosi' dispiaciuto di compiere 16 anni quindici giorni dopo le primarie del PD a sindaco e di non poter votare.
Infine, se ti va, quardati la prima puntata di Tolleranza Zoro dove Diego Bianchi racconta che sin dalle elementari il suo sogno era proprio quello votare. Pazzo? No, semplicemente ha avuto la fortuna di vivere la politica quando ancora era una cosa dal basso, una cosa partecipata.

Artemisia ha detto...

Non e' venuto il link:
http://youtube.com/watch?v=dHinxZGcSNI

LuCa ha detto...

Elezioni? bleah... sinceramente, credo che l'unico giorno così festoso riguardo alla politica, di questi tempi, sarà quando una rivolta popolare di dimensioni colossali raderà al suolo motnecitorio e inizierà a riscrivere la storia nel vero segno del rispetto, della libertà e della democrazia..!

ps: sono tornato :)

Saretta ha detto...

@arte
guarda.... credo che sıa dalla guerra ın ıraq che non vedo l ora dı avere 18 annı per poter votare... ma le ultıme elezıonı mı hanno dısıdratata. gıuro. mı hanno sfılato vıa tutto l entusıasmo della vıta polıtıca ( e tı gıuro che dı entusıasmo, quando ne ho, ne ho da vendere...)

Artemisia ha detto...

Lo so che ne hai da vendere, Saretta. Coraggio! Su! Ci piaci quando sei entusiasta!

il cuoco ha detto...

ho tanta paura che l'incubo non sia finito , ma però voglio sperare che una mattina gli italiani si sveglino e comincno a capire che chi gli fa promesse è solo uno che non le mantiene e che una volta lavorava su di una nave... Promesse da marinaio .......

Franca ha detto...

Per fortuna, io so ancora cosa votare!

A voi giovani mi sento di dare un consiglio: riappropriatevi della politica, non lasciatela fare solo agli altri...